La Camiceria Smeralda di Camerano, dai busti da donna del primo '900 all'alta moda

smeralda

Marche al Femminile è il nome che ho scelto per questa nuova rubrica che ci porterà a conoscere ed intervistare, aziende di Ancona e delle Marche 100% al Femminile, 100% girl power!

Oggi vi presento la Camiceria Smeralda di Camerano, un’eccellenza marchigiana, una storia incredibile di imprenditoria femminile, di riprova sociale, di emancipazione, di spirito di squadra e di sacrificio.

Moderne guerriere che al faccia a faccia con la cassa integrazione degli anni 80, risposero costituendosi in cooperativa nel 1983 perché il lavoro dona dignità alla donna, la dignità di non dipendere da nessuno, e l’orgoglio di partecipare alla vita e al successo di un’azienda.

Donne, mamme imprenditrici e lavoratrici specializzate sono le 54 socie camiciaie della Cooperativa, che ogni giorno realizzano 550 camicie da uomo per grandi marchi dell’alta moda Italiana. Cotone e Manodopera 100% Italiana.

20161020_114522

Il 10% della produzione è a marchio Imperia, di proprietà della precedente attività, sin dai primi del 900 quando si realizzavano berretti da uomo e busti da donna. Imperia continua a vivere nella camicie da uomo acquistabili presso lo spaccio aziendale, adiacente al laboratorio di produzione di Camerano.

<<Per lavorare con le donne, bisogna essere anche psicologi>>, ci racconta Engels Maggetti, Responsabile Amministrativo della Camiceria Smeralda, l’unico uomo della Coop., che dopo oltre 30 anni di esperienza a stretto contatto con le socie, conosce come mantenere una squadra vincente. <<Ogni socia è diversa, ci sono le stesse opportunità, hanno le stesse condizioni, ma è la comunicazione che cambia con ognuna di loro, tanta è la sensibilità femminile e l’attaccamento al lavoro>>continua Maggetti.

20161020_114602

Sono interessata a parlare con la Presidente della Cooperativa, la Sig.ra Fiorella Brandoni, capofila sin dalla Costituzione, alla guida di un gruppo che si riunisce in Consiglio di Amministrazione una volta al mese.

20161020_114634

Sono curiosa e voglio sapere se le “innumerevoli” esigenze femminili, siano accolte e in qualche modo soddisfatte all’interno della Cooperativa.

Non faccio in tempo a terminare la domanda che è lei che mi interrompe <<Le donne sono il fulcro della famiglia e della società>>.

Visite mediche dei bambini, riunioni scolastiche, assistenza agli anziani di casa, assistenza alle nuore partorienti, sono sempre le donne che nella nostra cultura, abitudine, usanza, sono chiamate ad essere presenti in queste situazioni, per non parlare delle gravidanze, delle maternità e degli inserimenti al nido.

Qualche lavoratrice è costretta a chiedere la maternità anticipata per via del tipo di lavoro o di macchinario che utilizza, altre ci chiedono di usare parte della maternità facoltativa e di distribuirla successivamente secondo necessità. E poi ci sono gli inserimenti al nido, le vacanze estive dalla scuola…

<<Le mamme per legge godono giustasmente di diversi diritti, e noi da sempre ci mostriamo flessibili ma è doveroso coordinare al meglio le singole richieste, perché il nostro è un lavoro a catena, che segue le tendenze moda, e gli ordini dei grandi clienti a volte arrivano improvvisamente e con tempi strettissimi>>  sottolinea Fiorella.

Fiorella, tre parole per descrivere il tuo gruppo di lavoro: <<Produttivo, Coeso, Unito>>

Sig. Maggetti, un obiettivo per il 2017? <<Mantenere un prodotto di qualità 100% Made in Italy, per farlo abbiamo bisogno oltre che di materie prime eccellenti di metterci al posto del cliente finale, sempre. Continuare a creare lavoro, tramandare i nostri valori e la nostra filosofia a chiunque entri a far parte della cooperativa.>>

Eccomi con la Sig.ra Fiorella Brandoni ed il Sig. Engels Maggetti 20161020_122403

Grazie

Alice Palazzi

]]>

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Sentitevi liberi di contribuire!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.