Le Mamme di Ancona dicono NO agli Antibiotici

Con piacere scopro che nella mia community “Il Tempo delle Mamme di Ancona e Dintorni ci sono decine di mamme che come me, ai primi colpi di tosse dei loro cuccioli, alle prime linee di febbre, e all’ennesimo pacchetto di fazzoletti terminato, si travestono da alchimista, aspirante stregone, moderna curanderaper comporre pozioni magiche, intrugli portentosi e unguenti 100% naturali per alleviare in modo naturale tosse, raffreddore e i comuni disturbi stagionali.

Devo fare una premessa, non siamo delle incoscienti, tanto meno mamme irresponsabili e non denigriamo ne tanto meno screditiamo le preziose indicazioni del nostro pediatra di riferimento o i progressi della medicina e della ricerca a favore dell’umanità intera.

Siamo Mamme che amano i propri figli tanto quanto le mamme che usano la Tachipirina o Paracetamol come caramelle per il mal di gola, e il Nurofen come dolcificante nei pancake per colazione. Riusciamo a gestiamo con non poca fatica la nostra ansia, cercando di controllare da una parte, il panico e la paura che le cose possano precipitare, e dall’altra il desiderio di avere una soluzione immediata e di vedere i piccoli terremoti i in forma e “ringalluzziti” come il loro solito.

Dopo i primi “ossignore come facciamo“, ci armiamo di santa pazienza, dando tempo alla malattia di fare il suo decorso (ricordiamoci che la febbre è un segnale di difesa dell’organismo contro virus e batteri, e in quanto tale va lasciata agire affinché svolga il suo ruolo difensivo).

Nell’immediato ci attiviamo per agevolare la ripresa utilizzando rimedi naturali e antichi, conosciuti dai nostri antenati e tramandati a noi, o preparati fitoterapici disponibili in farmacia, o parafarmacia o in erboristeria.

Il consulto del pediatra è fondamentale, e l’antibiotico non è il demonio, e non è nemmeno l’ultima spiaggia o l’unica soluzione per qualsiasi malattia. Ha salvato e salva in continuazione vite umane, ma siamo a conoscenza dei dannosi effetti collaterali sul sistema immunitario se somministrato per cicli ripetuti, dunque perché non tentiamo e proviamo alcuni rimedi naturali e nel caso non dovessero funzionare, ricorrere all’agognato e sempre valido antibiotico? 

L’obiettivo comune, è il benessere del bambino e la sua completa guarigione.

Una mamma ci chiede consigli su come alleviare la tosse del proprio bambino, senza ricorrere a cortisone ed antibiotico.

Qui elenchiamo i prodotti naturali disponibili sul mercato e i rimedi naturali e fatti in casa utilizzati dalle mamme “streghette” del Gruppo.

LATTE E MIELE efficacia sedativa (sulla tosse), e antinfiammatoria del miele.

MIELE E LIMONE questo rimedio naturale è un’altra ottima opzione per ridurne i sintomi e per distruggere i virus.

MIELE LIMONE ZENZERO E ANICE STELLATO rimedi classici ricchi di vitamine, sostanze digestive, e antibatteriche.  Il miele è un grande alleato della nostra gola e contiene sostanze antibatteriche che leniscono tosse, catarro e apparato digerente. Aggiungere qualche frutto di anice stellato (Illicium verum) che aiuta a contrastare i sintomi quali nausea, dolori gastrointestinali e i problemi digestivi, oltre ad essere un forte antiinfiammatorio ed antibatterico (aiuta ad uccidere i virus influenzali)

OLIO 31 i aggiunge sempre la funzione aromaterapica: il profumo intenso dell’olio 31 è dato dal bouquet di erbe officinali come menta piperita, eucalipto, arancio dolce, anice, limone, finocchio, tea tree, rosmarino, cumino, aglio, timo, cannella, salvia e melissa.

BELLADONNA RIMEDIO OMEOPATICO Le proprietà benefiche della belladonna sono sedative e anestetiche oltre che stimolanti. Ha un’azione broncodilatatrice e agisce anche come antinfiammatorio, antinfluenzale e accelera il battito cardiaco.

CIPOLLA ecco qui qualche idea

SCIROPPO DI LUMACA Lo sciroppo di lumaca è un rimedio efficacissimo contro la tosse, in particolare contro la tosse grassa. E’ un espettorante, fluidificante delle vie aeree.

GRINTUSS  un prodotto a base di miele e complessi molecolari che svolge un’azione protettiva e di conseguenza lenitiva delle prime vie aeree. Agisce sulla tosse secca contrastando l’irritazione della mucosa e sulla tosse grassa favorendo l’idratazione e l’eliminazione del muco

RIBES NIGRUM  è considerato un ottimo antistaminico naturale. Inoltre contiene buone quantita di vitamina C ed è un buon diuretico
FITOLIPTO SCIROPPO Preparato antitussivo, calmante e antinfiammatorio. Coadiuvante nel trattamento sintomatico della tosse, sia di tipo continuo e stizzoso
SIROMUCIL sciroppo di lumaca
 
STODAL prodotto omeopatico molto utilizzato come rimedio contro la tosse secca e grassa per tutta la famiglia
TOLUMAR MIELE SCIROPPO ALLE ERBE
TUSSISTINSciroppo, grazie ai rimedi omeopatici contenuti, agisce efficacemente in tutti i tipi di tosse.
SPRAY ALLA PROPOLI come rimedio naturale al mal di gola: agisce in maniera localizzata, ad azione lenitiva e fluidificante.
AEROBIOTIC JUNIOR soluzione, nebulizzabile tramite apparecchio per aerosol, utile per contrastare bronchiti, sinusiti, raffreddori, raucedine, tosse
 20601
]]>

3 commenti
    • Luigi
      Luigi dice:

      Quando leggo questi suggerimenti, la prima reazione è scuotere la testa.
      Un non-medico e non-farmacista, suggerisce fito e omeoterapie a persone che non conosce, per malattie che non conosce, su pazienti che non conosce. E il bello è che qualcuno che legge si appunterà qualche nome e andrà in farmacia ad acquistare qualche prodotto.
      Vedete, solo il medico può suggerire una terapia e le piante non sono prive di effetti collaterali. “Naturale” non significa “sicuro” e le attività delle piante possono essere potenti più dei farmaci e, in generale, sono assolutamente sconsigliate nei bambini sotto ai due anni.
      Nella composizione di alcuni di questi prodotti citati sono presenti sostanze che possono scatenare pesanti reazioni asmatiche e allergiche (ad esempio il timo, l’eucalipto, il balsamo del tolù) o interagire nel metabolismo dei farmaci (i semi di pompelmo sono catastrofici in tal senso).
      Quindi, il mio consiglio da farmacista con laurea e specializzazione in farmacologia, è di affidarsi alla competenza del pediatra, che se è stato 11 anni all’Università ci sarà un motivo…
      E non provare a fare da soli con erbe ed omeopatia, cercando su internet notizie e terapie. Come ci affidiamo ad un idraulico per un sifone o ad un meccanico per la macchina ingolfata, a maggior ragione per un essere umano il fai da te può creare più danni che benefici.
      Ogni malattia è a sé stante, ogni bambino è diverso. Solo il medico può dare prima la giusta diagnosi e poi la corretta terapia.

      Rispondi

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Sentitevi liberi di contribuire!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.