Una Fiaba per superare la Separazione di Mamma e Papà

separazione

Le separazioni e i divorzi sono in continuo aumento e nella metà dei casi è coinvolto almeno un figlio minorenne. Il momento della separazione non è mai un momento facile né per i figli, che sono invasi da paure e insicurezze, né per i genitori che spesso si trovano a dover far fronte a sentimenti di vuoto e solitudine.

Le domande che si pongono i genitori costretti ad affrontare una prova così difficile sono numerose.

Che cosa accade ai figli quando i genitori si separano?

Come si affrontano i problemi emotivi che possono sorgere?

Come e cosa dire ai nostri figli?

Non sempre è facile, o forse sarebbe meglio dire non è MAI facile, per un genitore trovare le parole giuste per spiegare ai propri figli cosa sta accadendo e quali saranno i cambiamenti a cui si andrà incontro.

Nella mia esperienza ho preso atto di due strumenti molto utili per comunicare con i bambini in un momento così critico e delicato:  l’ utilizzo della FIABA e i GRUPPI DI PAROLA.

Per quanto riguarda la fiaba infatti, con essa si può affrontare meglio la realtà perché attraverso il racconto  il bambino può elaborare dolori e paure e può trovare vie per esternare i propri sentimenti. E una fiaba può essere l’ occasione di dialogo anche con gli adulti.

Un gruppo di parola è invece un luogo sicuro per il sostegno e lo scambio di esperienze tra bambini, finalizzato all’ espressione di sentimenti, timori e speranze legati ai cambiamenti della vita familiare; tutto ciò attraverso la parola, il disegno e la scrittura. Fondamentale è poi il sostegno e lo scambio tra pari.

Ogni bambino in quanto unico e speciale e dotato di una sua personalità affronterà la criticità di questo momento con delle sue peculiarità, ma nonostante ciò l’età in cui avviene la separazione è fondamentale, poiché in ogni fase dello sviluppo i problemi vengono vissuti ed elaborati in maniera diversa. E’ fondamentale inoltre utilizzare un linguaggio il possibile chiaro e comprensibile all’ età.

Disponiamo inoltre di numerose ricerche molto accurate che hanno portato a riconoscere nell’ intensità e nel permanere del conflitto di coppia il fattore decisivo del disagio dei figli e ad affermare l’ importanza della continuità dei legami tra genitori e figli anche dopo la separazione della coppia.

Più che la separazione è la modalità con cui viene gestita che può causare gravi problematiche nei figli.

“E’ più deleterio per la salute psichica del minore vivere in una famiglia legalmente intatta, ma conflittuale, rispetto ad una famiglia separata ma sufficientemente stabile e serena. Inoltre, risulta importantissimo per il minore, il tipo e la qualità delle interazioni che si vanno strutturando tra i vari membri della famiglia, a separazione avvenuta, che non la separazione in sé “ ( Cigoli 1997 ).

I fattori che principalmente andranno ad influire sulla maggiore o minore problematicità sono:

  • Il tipo di famiglia che il bambino ha interiorizzato
  • La qualità della relazione che i genitori sono riusciti ad instaurare dopo la separazione
  • L’ esistenza o meno di rapporti stabili fra i singoli genitori e il figlio
  • L’ esistenza di una rete relazionale familiare ( nonni, parenti, amici, cc….) funzionante e presente

Vorrei consigliare una piccola bibliografia, fiabe per l’appunto, relativa al tema della separazione suddivisa per le diverse fasce di età. Buona lettura!

Manuela Mareso “ Sotto il temporale. Fiabe-ombrello per famiglie in trasformazione “ dai 4 anni d’ età

A De Bode “ Papà cambia casa “ dai 6 anni

Zannoner “ Il grande Martin “ dai 8 anni

Bianca Pitzorno “ Principessa Laurentina “ dagli 11 anni

Dott.ssa Psicoterapeuta Federica Natalucci

Piazza G. Garibaldi 3 Chiaravalle

Cell 3335980088

Email federicanatalucci@virgilio.it

Facebook @nataluccipsicologia

Leggi l’articolo DSA, disturbi dell’apprendimento- come riconoscerli